martedì 17 gennaio 2017

PROGRAMMA AUTUNNO 2017




PROGRAMMA DEGLI HOUSE CONCERTS  PER L'AUTUNNO 2017

sabato 16 settembre: Giuliana Bergamaschi in "serenate al chiaro di luna"...inizio stagione d'autunno.
sabato 23 settembre: GUANO PADANO (si mangia dentro e si suona fuori in corte per l'ultima vez)
sabato 30 settembre: " venticello, venticello de Roma" con Elena Blu accompagnata da Claudio Moro
venerdì 6 ottobre  : Enrico Terragnoli trio con Zeno de Rossi e Rosa Brunello (contrabbasso)
sabato   7 ottobre  : Barbera e Champagne, omaggio a GIORGIO GABER da Anna e Claudio Moro
sabato 14 otoobre:Dylan Suite,una visione personale della musica di BOB DYLAN, Luigi Catuogno chitarra classica
sabato 21 ottobre: Alban Fuam, musica irlandese
sabato 28 ottobre: King Bisquit Time in 4, folk & blues con le storie di Angelo Milani
martedì 31 ottobre: Otello Perazzoli, cante e storie della tradizione veneta con l'organetto
sabato 11 novembre: i racconti in musica di Marco Giacomozzi InTrio...il racconta-storie!
sabato 18 novembre: NewAbdominauxDangereux (NAD) con Roberto Zorzi, Nicola Salerno e Sbibu
sabato 25 novembre: "parole da mangiare" reading musicale sul cibo per la gioia del palato
giovedì 7 dicembre: "ma ti ricordi John Lennon?" con Vladi, el Ciano, Anouk, Linda e chi vuole... 
sabato   9 dicembre: "Gingerbread Man" un omaggio a Syd Barrett con Pedio, Chest e Sbibu 


FINE STAGIONE 2017
 

giovedì 4 settembre 2014

Masanobu Fukuoka


“Le persone non stanno più a piedi nudi sulla terra. Le loro mani si sono allontanate dall’erba e dai fiori, non guardano il cielo e sono sordi ai canti degli uccelli, le loro narici sono diventate insensibili a causa dei fumi dei tubi di scappamento, le loro lingue e il palato hanno dimenticato i sapori semplici della natura. I cinque sensi si sono sviluppati isolati dall’ordine naturale delle cose. La gente si è allontanata due o tre scalini dall’essere davvero umani. Il vero godimento e le delizie dell’uomo erano un estasi naturale. Questo esiste solo nella natura e svanisce lontano dalla terra. Un ambiente naturale non può esistere fuori dalla natura e così l’agricoltura dovrebbe essere il fondamento della vita. Il ritorno della gente al campo per coltivare la terra e creare villaggi di esseri umani veri è il cammino da seguire per la creazione di città e nazioni ideali.”


Masanobu Fukuoka.

mercoledì 12 giugno 2013

COME ARRIVARE AL POSTO CASTELLO

 

FACILE:

arrivati alla piazza del Municipio di Illasi si prosegue tenendo il Comune a sinistra e la Chiesa sulla destra. 

Ci si immette in un viale alberato con cipressi iniziando a salire, seguendo i cartelli posti a sinistra, all'inizio della salita che indicano CASTELLO e TRABUCCHI.
 
Dopo 2 tornanti (il secondo dei quali con una grande croce illuminata) si percorre una specie di rettilineo di circa 700 metri in fondo al quale c'è un muretto con un capitello dedicato alla Madonna.


Si è obbligati a girare a sinistra seguendo la strada asfaltata e dopo 20 metri si imbocca la prima strada a sinistra (in salita) passando di fianco ad una casa abbandonata (a destra) e ad un muro (a sinistra) , direzione CASTELLO (c'è un cartello sulla sinistra che la indica).


Appena fuori dalla piccola salita di strada asfaltata di circa 50 metri si vede, sulla sinistra, il Castello illuminato, ed è una gran bella visione!

Dopo di che la strada diventa bianca (una delle ultime) ricoperta di ghiaia e sassi mentre a sinistra e a destra ci sono piante di olivo e poi vigne e ciliegi fino ad una biforcazione. 


Trovate un grande spiazzo sulla sinistra e il Castello di Illasi illuminato davanti a voi, si parcheggia e si percorre a piedi la stradina in leggera discesa dove c'è una transenna che impedisce il passaggio delle macchine.

50 metri a piedi (se non piove altrimenti si parcheggia in corte) e siete arrivati.
Benvenuti!